Riccardo III

il dramma di un amore mancato

produzione
compagnia dei Demoni

scrittura scenica
mario jorio
interpreti
federico giani
sarah pesca
alessandra caviglia
organizzazione
Danilo Spadoni
sartoria teatrale sandro osemont
progetto grafico Paola Ferrando
un ringraziamento particolare alla
Film Commission Genova

Una visione, una teoria, un punto di vista sul gobbo rospo. È anche una parodia, è la ricerca di un’essenza del personaggio, è un gioco teatrale. È la costruzione “arbitraria” delle motivazioni profonde che sommate fanno sì che la storia, pur rispettata, abbia qualche scossone emotivo. Alcune sensazioni in ordine sparso. È un incubo, forse è l’attore che sta provando Riccardo III oppure è Riccardo III che sta facendo le prove, sta progettando di diventare re con un certo anticipo. Dopo ricerche e studi, sconosciuti persino al bardo inglese, troviamo in scena le donne delle pulizie di Riccardo III, che oltre ad occuparsi delle solite preoccupazioni domestiche, sono coinvolte a provare e simulare il suo malsano desiderio. Altri studi hanno portato alla luce il suo primo trauma: essendo nato storpio fu rinchiuso in un collegio militare…ma per il suo bene! Eh sì, essendo evidente che avrebbe avuto problemi di conquiste amorose, lo forgiarono da guerriero, una fredda macchina da guerra. Certo l’essere abbandonato così piccolo gli creò ulteriori turbe affettive, così si costruì un mondo sentimentale immaginario pieno di tenerezza e romanticismo. Più sognava “affetto…affetto” più era spietato. Alla fine non trova neanche un cavallo, un prezzo vantaggioso per un regno. Niente. Il “pentolame storico” si ripete.

MJ
foto realizzate da Paola Ferrando – debutto al teatro Duse il 02/05/2012
riprese realizzate al Teatro Duse di Genova il 2 Maggio 2012



CONTATTI
Francesca Montanino Resp. Distribuzione
email: organizzazione@offrome.com
mb: +39.339.8264898 www.offrome.com

Mario Jorio
+39 339 5618 043
mj@mariojorio.it

scarica e stampa il volantino
vedi a riccardo III alle prove

 

Commenti (0)

› Nessun commento ancora.

Pingback (0)

› Nessun pingback ancora.